04 Luglio 2020
news
percorso: Home > news > Bolzano

Premiata dai veterani atesini la campionessa mondiale junior di ciclismo
ELENA PIRRONE ATLETA DELL´ANNO A BOLZANO
di Franco Sitton

18-12-2017 17:13 - Bolzano
Nella foto da sinistra il comandante provinciale della Guardia di Finanza Gabriele Procucci, il delegato regionale Luciano Vanz, la presidente del tribunale Elena Vesco, il Commissario del Governo Vito Cusumano, l´atleta dell´anno Elena Pirrone, il presidente dei veterani Alberto Ferrini e il direttore di sede della Cassa di Risparmio Peter Paul Silbernagl
Da trent´anni i veterani atesini dello sport premiano l´atleta dell´anno. Sul palco delle premiazioni si sono avvicendati famosi campioni e campionesse di casa nostra dalla regina dei tuffi Tania Cagnotto alla principessa del ghiaccio Carolina Kostner, dal "cannibale" dello slittino Armin Zöggeler al jet dello sci Christof Innerhofer ma il primo nome che figura nell´albo d´oro risponde alla famosa "Mammina volante della val Badia" a Maria Canins, una leggenda del ciclismo e dello sci di fondo, due volte in maglia gialla al Parco dei Principi per i successi al Tour de France. Era il 1988.
La trentesima edizione dell´Atleta dell´anno ha visto salire sul palco delle premiazioni alla sala Europa di Bolzano un´altra campionessa delle due ruote, non una veterana ma la giovanissima Elena Pirrone di Laives, classe 1999, due medaglie d´oro nella gara a cronometro e nella corsa in linea ai mondiali junior di Bergen in Norvegia. Con lei c´era anche la compagna di squadra Alessia Vigilia medaglia d´argento nella "crono". In sala anche i loro genitori visibilmente emozionati: facile capirli dopo tanti sacrifici ma anche grandissime soddisfazioni.
La serata si era aperta con il saluto del vicepresidente storico dei veterani Felix Martinolli alle autorità: il Commissario del Governo Vito Cusumano, il presidente del tribunale Elena Vesco, il comandante provinciale della Guardia di Finanza Gabriele Procucci , l´assessore comunale allo sport Angelo Gennaccaro e in rappresentanza del principale sponsor il direttore della sede di Bolzano della Cassa di Risparmio Peter Paul Siulbernagl. In prima fila anche il delegato regionale dell´UNVS Luciano Vanz. Nella breve relazione sull´attività sportiva e sociale dei veterani il presidente Alberto Ferrini ha sottolineato il successo della quarantesima edizione del trofeo Prestige.
Si sono abbassate le luci in sala quando sul maxi schermo sono apparse le immagini tratte dai telegiornali della RAI di lunedi 18 settembre e di venerdi 22: due giornate indimenticabili per Elena Pirrone, due medaglie d´oro, due maglie iridate nello spazio di quattro giorni, due galoppate solitarie a oltre 40 chilometri di media, "non solo sinonimo di classe determinazione e coraggio - ha sottolineato il giornalista Franco Sitton nella motivazione - ma anche il frutto di lunghe ore d´allenamento, di tanti sacrifici e rinunce per conciliare sport e studio." Nella sua veste di coordinatore Toni Marchiori ha invitato Elena e Alessia ad avvicinarsi con le autorità all´area delle premiazioni.
E´ stato il Commissario del Governo Vito Cusumano a "incoronare" Elena Pirrone con il medaglione dell´UNVS (l´unione nazionale veterani dello sport) che raffigura un frammento di anfora greca. Per le due campionesse di ciclismo anche omaggi floreali e pacchi natalizi offerti dal presidente dell´associazione Alberto Ferrini e consegnati dal presidente del tribunale Elena Vesco e dal delegato regionale dell´UNVS Luciano Vanz.
Successivamente al microfono Elena Pirrone ed Alessia Vigilia hanno parlato del loro rapporto con mamma e papà ("Senza i nostri genitori non avremmo mai conseguito questi risultati") del loro futuro con un 2018 che le vedrà debuttare nel professionismo nelle file dell´Astana e in giugno affrontare al Liceo l´esame di maturità (" il massimo impegno per superare entrambi gli ostacoli anche se il passaggio di categoria nel ciclismo riserva non poche incognite"). Simpatico il siparietto fra le due "amiche – rivali" nel rievocare la corsa a cronometro: Alessia partita per prima ha accarezzato il sogno d´oro fino a quando è arrivata al traguardo Elena che era partita ultima a ... rovinarle la festa. In realtà erano felici entrambe. "La medaglia d´argento ai mondiali vale moltissimo" ha sottolineato sportivamente Alessia in attesa di future rivincite. Per fortuna è sport sano e pulito. A questi valori si è richiamata anche Elena Pirrone nel ringraziare i veterani atesini per l´ambito riconoscimento di "Atleta dell´anno".
Sono stati proprio i veterani i protagonisti del secondo tempo della festa delle premiazioni.

Realizzazione siti web www.sitoper.it
Il prodotto è stato inserito nel carrello

continua lo shopping
vai alla cassa
close
Richiedi il prodotto
Inserisci il tuo indirizzo email per essere avvisato quando il prodotto tornerà disponibile.



Richiesta disponibilità inviata
Richiesta disponibilità non inviata
close
ACCEDI

NON SONO REGISTRATO

crea account