05 Dicembre 2020
news
percorso: Home > news > Bolzano

Il campione di tennis Andreas Seppi atleta dell´anno per i veterani atesini

14-11-2012 09:05 - Bolzano
Andreas Seppi premiato con il medaglione UNVS dal Consigliere Nazionale Maurizio massaro. Ai lati il vicepresidente della Cassa di Risparmio Enrico Valentinelli e il presidente dell´Istituto bancario Norbert Plattner
E´ stato premiato a Bolzano nel corso di una splendida festa. Applausi e premi anche per i protagonisti del trofeo Prestige concluso dopo ben 12 gare.
di Franco Sitton

Ormai era una tradizione: alla festa dell´atleta dell´anno a Bolzano la "top star" era quasi sempre un campione di sci, di slittino o - in omaggio alla gloriosa scuola tuffistica locale - una campionessa del trampolino che risponde al nome di Tania Cagnotto, due stregate medaglie di legno alle olimpiadi di Londra.
Proprio nell´anno olimpico 2012 i veterani atesini dello sport hanno voluto dare uno strappo alla tradizione e premiare - per la prima volta - un campione di tennis, non uno qualsiasi, ma il migliore del ranking mondiale fra gli "azzurri" della Davis. Andreas Seppi, 28 anni nato in riva al lago di Caldaro e "allevato" a colpi di diritto e di rovescio sin dall´età di 11 anni (prima media inferiore) da Max Sartori che a tutt´ oggi è il suo manager o papà sportivo. Andreas Seppi, battezzato lo "Zar di Mosca" dopo il terzo torneo APT vinto su tre superfici diverse (i dettaglia nella motivazione del premio) è arrivato a Bolzano nell´ elegante sala Academy della Cassa di Risparmio con tutta la sua corte - mamma, papà, fidanzata, sorella e ovviamente Max con il preparatore atletico Sirola - fra una partita e l´altra, fra una semifinale e una finale del torneo challenger della val Gardena.
Era la sera di sabato 10 novembre, una sera che diluviava da Ortisei a Bolzano, ma in sala è stato un diluvio di applausi. In prima fila, seduto accanto alla sua dolce "morosa" di Appiano, Andreas in jeans e pullover azzurro ha ascoltato senza batter ciglio i vari discorsi in una sala affollata dai soci targati UNVS, da esponenti del mondo sportivo e da numerose autorità: la prolusione del vicepresidente Felix Martinolli (" quando cadono le foglie d´autunno noi premiamo l´atleta dell´anno" è ormai il suo poetico ritornello) la relazione del presidente Alberto Ferrini sull´ attività sportiva e culturale della sezione di Bolzano ("sport e movimento con un pizzico di agonismo" è il nostro motto per dare nuove energie e nuovi stimoli soprattutto alla generazione della terza età) il messaggio del consigliere nazionale Massaro che ha portato i saluti del presidente nazionale avv. Gian Paolo Bertoni, l´elogio del presidente della Fondazione Cassa di Risparmio avv. Gerhard Brandstätter ("i veterani sportivi sono un pilastro della società civile, sono impegnati nel volontariato all´insegna dell´ amicizia e della solidarietà") . Al tavolo della presidenza, ornato di rose rosse, anche due personaggi storici della sezione di Bolzano: il volto femminile dell´ elegante vicepresidentessa Marianne Market e il "re del computer" Ivano Badalotti che ha dato tono e colore alla festa con la proiezione di video e immagini.
Dopo il primo tempo (45 minuti come nel calcio) è toccato a chi scrive queste note, al giornalista sportivo Franco Sitton, presentare il "clou" della serata. Innanzitutto 5 minuti di video, montato da Sandro Saltuari, sul torneo di Mosca con il commento in inglese tanto per non far torto in una terra bilingue ad altoatesini di lingua italiana e tedesca. Lettura invece bilingue della motivazione e quindi consegna dei premi: innanzitutto il medaglione nazionale dell´UNVS ( hanno premiato il consigliere nazionale Massaro con il presidente e vicepresidente della Cassa di Risparmio Norbert Plattner ed Enrico Valentinelli) una bellissima coppa di cristallo (dono della sezione di Bolzano porto dal presidente Ferrini con l´avv. Brandstätter) e un ricchissimo cesto di dolciumi e altri prodotti della Bauli offerto dal rappresentante della casa veronese Giacomo Giacobazzi e consegnato ... a gran fatica da Marianne Market nelle mani di un felicissimo Andreas Seppi.
Infine l´intervista al campione di Caldaro sul mondo dorato del tennis, sulle trasferte da un continente all´altro, sulle vittorie più belle (la prima, come il primo amore, non si scorda mai) la più sofferta ("quella di Mosca quando ho rischiato la sconfitta").
"Cosa conta di più quando l´avversario ha il match- point in pugno, quando sta per buttarti fuori, contano più il cuore, la testa o il braccio?" Alla domanda del sottoscritto secca la risposta di Andreas Seppi: "Il culo !!"
E in sala è stata una immensa ovazione accompagnata da risate e applausi, più che meritati per un campione grande non solo di statura ma anche di classe e simpatia.
Terzo tempo della festa orchestrato dal consigliere Guido Mazzoli: la premiazione dei protagonisti del trofeo Prestige (12 gare di 12 sport diversi da gennaio a ottobre) e del premio di precisione cui dedichiamo spazio in altra parte del giornale.
Quarto e ultimo tempo della splendida festa dei veterani UNVS dell´Alto Adige: un ricchissimo buffet con infiniti brindisi. Cin- cin e prosit per salutare l´atleta dell´anno e il suo staff e per ringraziare il presidente Alberto Ferrini e i suoi collaboratori impegnati non pochi giorni per organizzare un evento di "serie A" fra le manifestazioni sportive a Bolzano.

Motivazione del premio UNVS all´atleta dell´anno Andreas Seppi
L´Alto Adige, patria degli sport invernali, ha sfornato fior di campioni di sci, slittino, biathlon e pattinaggio. E´ un vero miracolo sportivo se in questa terra è salito alla ribalta internazionale un campione di tennis, Andreas Seppi di Caldaro, che con grande spirito di sacrificio, volontà e determinazione, non disgiunti da una classe innata, ha saputo scalare di anno in anno il ranking mondiale: era il numero 285 a 19 anni ora è il ventiduesimo, ossia il migliore assoluto degli italiani. In carriera ha battuto oltre 200 avversari, ha vinto tre tornei APT su tre superfici diverse (erba a Eastburn, terra rossa a Belgrado e recentemente cemento indoor a Mosca) oltre a sette tornei challenger.
Decisivo per i colori azzurri è stato anche il suo contributo in Coppa Davis: dopo il successo sul Cile ora l´Italia è tornata fra le grandi potenze mondiali del tennis.

Profilo di Andreas Seppi

"Ama le superfici veloci. Il diritto è il suo colpo più efficace. Spirito di sacrificio, determinazioni e voglia di lottare su ogni palla sono le sue qualità". Ecco in estrema sintesi i pregi di un campione di tennis, Andreas Seppi, 28 anni di Caldaro in provincia di Bolzano, nato e cresciuto in una terra che tradizionalmente sforna grandi talenti nel pianeta neve o ghiaccio.
La sua famiglia non aveva grandi possibilità economiche da permettere al giovanissimo Andreas di trasferirsi in Australia o in Florida a perfezionare l´arte della racchetta. E così il ragazzone di Caldaro (alto un metro e novanta) ha trovato il suo ideale "coach" (e ora manager) in Massimo Sartori che lo segue e lo sprona in ogni angolo del mondo.
Sin da giovanissimo Andreas Seppi prometteva faville. Nel 2003 a 19 anni era il numero 285 del ranking, nel 2004 nei primi 150, nel 2005 nei primi 100, per la precisione 69°, nel 2007 è fra i primi 50 dopo aver vinto oltre trenta partite nei tornei ATP e raggiunto la prima finale a Gstaad. Nel 2008 si prende il lusso di mettere sotto avversari che rispondono al nome di Hewitt, Gasquet e Nadal a quel tempo numero 2 al mondo. A vent´ anni il campioncino di Caldaro aveva già debuttato in coppa Davis conquistando il punto decisivo nel match con la Georgia. Poi un´altalena di prestazioni con il discusso rifiuto della maglia azzurra fino alle annate d´oro 2011- 2012: unico italiano ad aver vinto tre tornei ATP su tre superfici diverse: a Eastburn sull´erba, a Belgrado sulla terra battuta e a metà ottobre a Mosca sul cemento indoor. A queste tre perle vanno aggiunti sette tornei minori challenger, tre finali ATP combattute ma perse con gente del calibro di Roddick e Tsonga, un memorabile match con Djokevich al Roland Garros di Parigi: primi due set per Andreas, vittoria sudatissima del serbo al quinto( 7- 5). Eccellente il suo rientro nella squadra di Davis: decisivi i due successi in singolare per battere il Cile e riconquistare l´ Olimpo.
Con oltre 200 vittorie in carriera ora Andreas Seppi chiude il 2012 al 22° posto del ranking e sogna (o vuole?) entrare nell´elite dei primi venti. Nella piena maturità agonistica il futuro è tutto rosa!
f.s.

Realizzazione siti web www.sitoper.it
Il prodotto è stato inserito nel carrello

continua lo shopping
vai alla cassa
close
Richiedi il prodotto
Inserisci il tuo indirizzo email per essere avvisato quando il prodotto tornerà disponibile.



Richiesta disponibilità inviata
Richiesta disponibilità non inviata
close
ACCEDI

NON SONO REGISTRATO

crea account