02 Luglio 2020
news
percorso: Home > news > Bolzano

E´ Winnerhofer l´Atleta dell´Anno

07-11-2011 10:42 - Bolzano
Innerhofer intervistato da Sitton
Innerhofer intervistato daSiitton
Il campione del mondo di sci premiato nel corso di una festa onorata dalla presenza delle massime autorità e da una splendida platea di veterani e amici dello sci. Ricordato con un minuto di silenzio Marco Simoncelli.
di Franco Sitton
"Purtroppo non mi ha lasciato le chiavi". Lo ha esclamato sorridendo Christof Innerhofer appena sceso da una lussuosa "Ferrari" della INECO davanti alla sala Academy nel centro storico di Bolzano dove lo attendevano i veterani dello sport e le massime autorità cittadine per la proclamazione ufficiale dell´atleta dell´anno.
Nell´albo d´oro figurano negli ultimi anni campionesse e campioni di fama internazionale: il fuoriclasse dello slittino Armin Zöggeler, la fantastica coppia Alex Schwazer e Carolina Kostner, la regina dei tuffi Tania Cagnotto e ora entra a pieno diritto il campione del mondo di sci Christof Innerhofer, 26 anni di Gais, alfiere del gruppo sportivo Fiamme Gialle, vincitore di ben tre medaglie alla rassegna iridata di Garmisch lo scorso febbraio: oro in super-gi, argento in combinata discesa- slalom e bronzo in libera. Per i suoi successi ai mondiali e in coppa (fantastica la sua vittoria nella libera di Bormio) i giornalisti del circo bianco hanno modificato il cognome del discesista altoatesino. Ormai per tutti, stampa e fans, è "Winnerhofer".
Domenica 23 ottobre, mentre Innerhofer era vicino al cancelletto di partenza per la sua prima gara stagionale in coppa del mondo a Sölden in Austria, il mondo dello sport è stato scosso da una terribile notizia: la tragica fine di Marco Simoncelli. Lunedì 24 era in programma la "festa delle premiazioni": prima dei discorsi ufficiali il presidente della sezione UNVS di Bolzano Alberto Ferrini ha invitato autorità e veterani a ricordare "Sic" con un minuto di silenzio. Vorrei aggiungere le prime righe di un articolo di Massimo Gramellini (La Stampa): "Da sempre la morte rende mitici i giovani che la incontrano lungo la strada dei propri sogni".
Dopo il momento di profonda commozione è toccato al vicepresidente Felix Martinolli rivolgere un colorito e simpatico saluto alle autorità civili e militari e agli esponenti del mondo sportivo. Oltre naturalmente ai "padroni di casa" ai massimi esponenti della Cassa di Risparmio - il presidente Norbert Plattner e il suo vice Enrico Valentinelli - e della Fondazione Carispa (Andrea Zeppa in rappresentanza del presidente Brandstätter) sono stati accolti da calorosi applausi il sindaco di Bolzano Luigi Spagnolli e il vicepresidente della Provincia Christian Tommasini - due uomini politici con prestazioni eccellenti in gioventù nell´atletica leggera - il vicesindaco Klaus Ladinser, il procuratore della Repubblica Guido Rispoli, il questore Dario Rotondi, i comandanti provinciali delle Fiamme Gialle Giovanni Avitabile e dei carabinieri Andrea Rispoli, il ten. col. Fabio Zinato del Comando truppe alpine, i presidenti del CONI altoatesino Heinz Gutweniger e dell´USSA Carlo Bosin. Un applauso speciale per il gardenese Carletto Senoner campione del mondo di slalom nell´ormai lontano 1966 a Portillo in Cile.
In italiano e tedesco Alberto Ferrini e Felix Martinolli hanno illustrato lo spirito e gli obiettivi della nostra associazione: "Lo sport per noi non è solo agonismo - hanno detto in sintesi - ma anche salute, movimento, quindi benessere psicofisico". Oltre all´organizzazione di numerose gare e alla partecipazione ai campionati nazionali master di sci, atletica e nuoto, la sezione UNVS di Bolzano dedica ampio spazio anche all´attività culturale e ricreativa. Sul ruolo dei veterani atesini nella vita sociale e sportiva hanno espresso giudizi lusinghieri il sindaco Spagnolli e l´assessore provinciale alla cultura Tommasini.
E´ toccato quindi a chi scrive queste note, "l´istrionico Sitton" per usare l´espressione di Antonella Mattioli sull´"Alto Adige", presentare la festa dell´atleta dell´anno: la proiezione di un video RAI con le immagini delle tre magiche giornate di Garmisch di Winnerhofer (grazie a Ivano Badalotti per l´assistenza al computer) leggere la motivazione del premio (in tedesco la traduzione di Felix Martinolli) invitare gli esponenti dell´UNVS e della Cassa di Risparmio alla premiazione e per chiudere una simpatica intervista al campione del mondo di sci.
Christof Innerhofer ha ricevuto tre bellissimi premi: il medaglione in argento e smalto che raffigura un guerriero su un frammento di anfora greca inviato dalla direzione nazionale UNVS , un elegante orologio offerto dalla sezione di Bolzano dei veterani sportivi e un ricco cesto di prodotti dolciari della Bauli di Verona. L´atleta dell´anno è stato premiato dal presidente e vicepresidente della Cassa di Risparmio Norbert Plattner ed Enrico Valentinelli, dal comandante delle Guardia di Finanza di Bolzano col. Giovanni Avitabile e naturalmente dai massimi dirigenti dell´UNVS, il consigliere nazionale Maurizio Massaro in rappresentanza del presidente avv. Gian Paolo Bertoni e il presidente di sezione Alberto Ferrini gran regista della manifestazione.
Simpatico, disponibile e modesto come i veri campioni Christof Innerhofer, circondato dai piccoli sciatori dello Sci CAI Bolzano, ha ringraziato i veterani dello sport per la splendida cerimonia che ha avuto larghissima e quasi inattesa eco su giornali, radio e televisioni regionali. L´effetto mediatico ha indubbiamente ripagato lo sforzo organizzativo della sezione atesina dell´UNVS.
Nella seconda parte della cerimonia (ci leggete in altra parte del giornale o del sito web www.unvstrentinoaltoadige.it ) sono stati premiati i veterani protagonisti dei trofei Prestige, Fondazione Cassa di Risparmio e Superprestige. A metà dicembre un´ altra grande festa, un appuntamento da non perdere: i 40 anni di attività della nostra associazione.



Motivazione del premio a Christof Innerhofer


La giuria dei veterani atesini dello sport, composta dai vicepresidenti Felix Martinolli e Mario Comina e dal giornalista sportivo Franco Sitton, ha indicato quale atleta dell´anno il campione del mondo di sci Christof Innerhofer con la seguente motivazione:
Nelle discipline veloci dello sci - discesa libera e super-gi - non bastano audacia e coraggio. Le piste moderne richiedono anche grande tecnica e intelligenza tattica oltre naturalmente alla massima concentrazione. Sono tutte doti che hanno consentito a Christof Innerhofer di entrare nella ristrettissima elite dei super- jet del pianeta sci e di conquistare - in una settimana di forma strepitosa - ben tre medaglie ai campionati del mondo di Garmisch: oro in supergi, argento in combinata e bronzo in libera.
I veterani atesini dello sport proclamano l´alfiere delle Fiamme Gialle Christof Innerhofer, 26 anni di Gais, atleta dell´anno 2011 per i suoi straordinari successi internazionali: 5 podi con due vittorie in coppa del mondo e soprattutto tre medaglie ai mondiali, impresa questa riuscita solamente al mitico Zeno Colò oltre 60 anni fa sulle nevi di Aspen in Colorado.

Realizzazione siti web www.sitoper.it
Il prodotto è stato inserito nel carrello

continua lo shopping
vai alla cassa
close
Richiedi il prodotto
Inserisci il tuo indirizzo email per essere avvisato quando il prodotto tornerà disponibile.



Richiesta disponibilità inviata
Richiesta disponibilità non inviata
close
ACCEDI

NON SONO REGISTRATO

crea account